“Pedaliamo la storia” annuncia il 57° Trofeo Laigueglia

“Pedaliamo la storia” annuncia il 57°  Trofeo Laigueglia

Domenica 8 dicembre giornata all’insegna del ciclismo

A Laigueglia, sembra incredibile, con l’arrivo dell’inverno si comincia a respirare aria di primavera. Merito del clima della riviera di ponente, ma soprattutto del Trofeo Laigueglia che ormai da circa dodici lustri è parte integrante della città ed ha contribuito in modo determinante a renderla famosa nel mondo. Una storia di sport,  fatica, turismo e persino poesia. Predestinata. La prima edizione, nel 1964, con la vittoria di un “indipendente” Guido Neri. Grazie al successo, ottenne un buon contratto con la Molteni,   loc 8 dic 2019 trofeo (1)alla corte di Michele Dancelli e Gianni Motta. Una favola a lieto fine. Da allora il Trofeo Laigueglia è cresciuto, ha attraversato la seconda metà del secolo scorso, diventando un punto di riferimento del ciclismo internazionale nel terzo millennio.

Oggi sono tanti gli eventi collaterali che accompagnano la gara, già fissata in calendario domenica 16 febbraio 2020 quando si disputerà la 57^ edizione.

Si inizia domenica 8 dicembre, giorno dell’Immacolata, con “Pedaliamo la storia” gli appassionati di ciclismo non possono mancare, Laigueglia vi aspetta con la consueta ospitalità, tante novità e campioni delle due ruote.

Il programma della giornata, con appuntamento dal “Muretto dei ciclisti”, prevede:

ore 8.45 presentazione libro “COPPI, L’ULTIMO MISTERO”. Le verità mai raccontate sul tramonto del Campionissimo  – interviene l’autore Paolo Viberti.

ore 9.30 presentazione merchandising del Trofeo Laigueglia presso il muretto dei ciclisti e consegna della prima maglia all’amministrazione comunale;

ore 9.40 presentazione da parte di Moreno Moser, già vincitore di due edizioni del Trofeo Laigueglia, dell’app “Cyclone” ideata con Gianni Moscon. Una idea innovativa di andare in bici;

ore 10.00 partenza della pedalata lungo i punti storici del percorso del Trofeo Laigueglia ed inaugurazione  pannelli fotografici;

ore 11.30 circa arrivo a Testico con rinfresco offerto dall’omonima Amministrazione;

ore 11.45 partenza da Testico e rientro lungo il crinale della collina transitando da cima Paravenna e Crocetta;

ore 12.30 -12.45 circa arrivo a Laigueglia.

La pedalata si svolgerà a traffico aperto nel pieno rispetto del codice della strada.

L’Amministrazione Comunale di Laigueglia ente organizzatore dell’omonimo Trofeo fa sapere che: “la realizzazione di una linea di abbigliamento tecnico e da riposo in collaborazione con la ditta Pella Sportwear servirà ancora una volta a consolidare il proprio “brand” nel mondo del ciclismo. Abbiamo deciso di realizzarla quest’anno in omaggio al  passaggio alla categoria Pro Series della nostra corsa.  Il  Comune negli anni è sempre stato al fianco della Polizia Stradale che ringraziamo per le campagne sulla sicurezza delle strade e quindi la missione che sta portando avanti Accpi ci trova ovviamente d’accordo nella doppia veste di ente pubblico e di organizzatore. Un particolare ringraziamento anche alla associazione i Borghi più belli d’Italia. Siamo onorati e ringraziamo per la presenza il nostro due volte vincitore Moreno Moser”.

A Laigueglia, infatti, interessa soprattutto la sicurezza dei ciclisti per questo rilancia con forza il messaggio dell’ACCPI e del presidente Cristian Salvato: “A nome dei professionisti italiani ringrazio l’amministrazione e gli organizzatori del Trofeo Laigueglia, che hanno aderito alla nostra campagna per la promozione della sicurezza stradale dei ciclisti fin dall’aprile 2016, quando la piastrella con il simbolo del 1.5 mt per il sorpasso sicuro stata posata sul muretto dei ciclisti. In attesa che il Parlamento svolga la propria funzione legislativa al fine di arginare la strage quotidiana che continua a portare morte sulle strade italiane, bello vedere che a livello locale ci si stia attivando per promuovere una cultura del rispetto e della convivenza civile quanto mai necessaria”.

Solitamente il giorno dell’Immacolata è dedicato ai primi acquisti dei regali di Natale, Laigueglia offre a tutti un grande omaggio, propone l’epopea del ciclismo, scuola di vita e sport. Non mancate.

Trofeo Laigueglia, sarà il Gruppo Sportivo Emilia ad occuparsi dei servizi tecnico-organizzativi

La corsa si disputerà domenica 16 febbraio 2020

Laigueglia. È stato aggiudicato dal Comune di Laigueglia al Gruppo Sportivo Emilia di Casalecchio di Reno l’appalto dei servizi tecnico-organizzativi del 57° Trofeo Laigueglia, che si svolgerà domenica 16 febbraio 2020.

Il sindaco Roberto Sasso del Verme esprime soddisfazione per la collaborazione con lo storico gruppo bolognese, come da esito della procedura negoziata ad evidenza pubblica: “Siamo molto contenti di lavorare con il Gruppo Sportivo Emilia che ha più volte dimostrato professionalità e competenza nell’ambito delle gare sportive nazionali più importanti. La macchina organizzativa, ora al completo, si metterà subito in movimento per selezionare squadre e atleti tra i migliori nell’attuale panorama sportivo, degni del livello qualitativo raggiunto dalla nostra competizione, in considerazione anche del recente passaggio di categoria del Trofeo Laigueglia, nell’ambito dell’Europe Tour”.

TROFEO LAIGUEGLIA

Dichiara il consigliere con delega allo sport Lino Bersani: “Sarà un vero piacere per il comitato organizzatore del Trofeo lavorare con il cavalier Adriano Amici, presidente dello storico gruppo bolognese. Soprattutto la collaborazione con tecnici di lunga esperienza sono certo sarà una garanzia di successo anche per questa edizione che sarà molto impegnativa anche a seguito della promozione alla categoria 1 Pro Series; solo otto gare in tutta Italia hanno ottenuto un passaggio di categoria dall’Union Cycliste Internationale”.

“Un risultato – prosegue il consigliere – che pensiamo di aver meritato dopo quasi sessant’anni di attività. A febbraio il Trofeo Laigueglia festeggerà ben 57 anni. Questo per noi sarà un nuovo punto di partenza traguardando le nuove sfide che il ciclismo ormai globalizzato ci propone; nel prosieguo del terzo millennio vogliamo essere protagonisti più che mai”.

Ciclismo: Trofeo Laigueglia inserito nella categoria ProSeries

Lino Bersani: “Nel prosieguo del terzo millennio vogliamo essere protagonisti più che mai”

Laigueglia. Da oggi è ufficiale: l’Union Ciclistica Internationale promuove il Trofeo Laigueglia che supera brillantemente la selezione internazionale con altre competizioni italiane in concorso e passa alla prestigiosa categoria ProSeries.

Complessivamente saranno dieci le competizioni che in Italia potranno fregiarsi di questo importante risultato, voluto dall’UCI nell’ambito della riforma del ciclismo che, da un punto di vista prettamente tecnico sportivo, interessa tutta la categoria internazionale delle gare per professionisti nell’ambito della Europe Tour su strada.

laigueglia-logoDichiara Lino Bersani, delegato allo sport del Comune di Laigueglia: “Pensiamo di aver meritato dopo quasi sessant’anni di attività (a febbraio il Trofeo Laigueglia festeggerà ben 57 anni, ndr) questo ambito risultato, che premia una storia longeva di sfide avvincenti e che ora coglie i massimi frutti sportivi ma anche sicuramente promozionali. Questo risultato conferisce sicuramente grande lustro al nostro borgo ma anche al territorio intero, perché il ciclismo è un patrimonio di tutti, in modo particolare di quei paesi che ospitano il passaggio dei grandi campioni delle due ruote. Questo per noi è un nuovo punto di partenza traguardando le nuove sfide che il ciclismo ormai globalizzato ci propone, nel prosieguo del terzo millennio vogliamo essere protagonisti più che mai”.

Il sindaco Roberto Sasso del Verme commenta: “Un ringraziamento particolare da parte dell’amministrazione di Laigueglia a quanti hanno creduto nel valore sportivo del Trofeo Laigueglia e lo hanno sostenuto specialmente in questi ultimi anni: la Lega del Ciclismo Professionistico, la Regione Liguria, l’associazione de I Borghi più Belli d’Italia”.

La macchina organizzativa si è già messa in moto e sta preparando una serie di grandi eventi ciclistici che andranno a contorno del Trofeo Laigueglia per far sì che la proposta sportiva sia distribuita su uno spazio temporale più ampio.

IMPRESA SOLITARIA DI SIMONE VELASCO: SUO IL 56° TROFEO LAIGUEGLIA

Trofeo Laigueglia 2019

Impresa solitaria di Simone Velasco (Neri – Selle Italia – KTM) nella 56^ edizione del Trofeo Laigueglia, classica ligure che oggi ha aperto il calendario del ciclismo professionistico italiano.
L’atleta classe 1995 (originario dell’Isola d’Elba ma residente a Bologna) è stato protagonista di un assolo iniziato quando mancavano 42 chilometri al traguardo, riuscendo a mantenere sempre un vantaggio attorno al mezzo minuto durante i quattro giri del circuito finale che comprendeva le salite di Colla Micheri e Capo Mele, per poi tagliare il traguardo con 42” sul gruppetto degli immediati inseguitori, regolati da Nicola Bagioli (Nippo – Vini Fantini – Faizanè). Terzo posto per Matteo Sobrero, qui in gara con la maglia Azzurra della Nazionale, che ha così completato un podio tutto italiano.

Una gara emozionante, che ha coronato al meglio l’intenso lavoro del Comune di Laigueglia, il quale si è avvalso del supporto tecnico del Gruppo Sportivo Emilia nell’organizzazione di questa che era anche la prima prova della Ciclismo Cup 2019 e della Challenge Liguria (che si concluderà il 28 aprile con il Giro dell’Appennino), che ora ha in Velasco il primo leader.

136 i corridori al via della manifestazione, con la prima fuga che parte al chilometro 18, quando escono dal gruppo sette uomini: Jonas Aaen (Riwal Readynez), Michael Piccot (Biesse Carrera), Giulio Masotto (Team Colpack), Andrea Ferrari (Iseo Serrature Rime Carnovali), Evgeny Kobernyak (Gazprom Rusvelo), Federico Burchio (D’Amico Um Tools) ed Emanuele Amadio (Cycling Team Friuli). Toccano un vantaggio massimo di 7’25” al chilometro 31, dopodiché il margine cala gradualmente, finché davanti restano in quattro (Aaen, Masotto, Piccot e Ferrari), la cui azione si esaurisce definitivamente al chilometro 141.

A poco più di 40 dall’arrivo ecco l’attacco che risulterà decisivo: Velasco esce deciso dal gruppo, lo seguono in tre (Jacopo Mosca della D’Amico Um Tools, Andrea Toniatti del Team Colpack e Alexander Cataford della Israel), che però non riescono a reggere il suo ritmo. Poi dal gruppo escono Giulio Ciccone (Nazionale italiana), Matteo Montaguti (Androni Sidermec) e Davide Gabburo (Neri Selle Italia Ktm), che si riportano all’inseguimento del fuggitivo. Nel finale resta solo Ciccone al suo inseguimento, senza tuttavia riuscire ad avvicinare Velasco. Poi sull’abruzzese rientrano Bagioli, il francese Frankinky (Groupama Fdj) e un’altra manciata di atleti (fra cui Sobrero), i quali però vanno a giocarsi “solo” la piazza d’onore.

ORDINE D’ARRIVO: 1° Simone Velasco (Neri Selle Italia KTM), 2° Nicola Bagioli (NIppo Vini Fantini Faizanè) a 42″, 3° Matteo Sobrero (Naz Italiana), 4° Francesco Gavazzi (Androni Sidermec), 5° Nans Peters (Ag2r La Mondiale), 6° Giulio Ciccone (Naz Ita), 7° Kilian Frankiny (Groupama Fdj), 8° Ildar Arslanov (Gazprom Rusvelo), 9° Francois Bidard (Ag2r La Mondiale), 10° Davide Cimolai (Israel Cycling Academy).

In allegato: foto arrivo (foto Bettini)

DOMANI SI CORRE IL 56° TROFEO LAIGUEGLIA

volantino partenti LAIGUEGLIA 2019 (2)-1.jpg

Diretta tv su Rai Sport a partire dalle ore 15,30

 

Si correrà domani, domenica 17 febbraio, la 56^ edizione del Trofeo Laigueglia che si correrà domani (partenza ore 11,00) sulla distanza di 203 chilometri.

La macchina organizzativa del Comune di Laigueglia con l’apporto tecnico del Gruppo Sportivo Emilia (organizzatore tecnico dell’evento) da mesi è al lavoro per far vivere a tutti gli appassionati una giornata di grande sport, come del resto vuole la tradizione della gara che apre il calendario italiano e, di conseguenza, la Ciclismo Cup 2019.

Tra i 136 atleti al via figurano alcuni tra i corridori particolarmente in vista, a partire da tre atleti che hanno già vinto la classica ligure:Moreno Moser (Nippo – Vini Fantini – Faizanè), autore della doppietta 2012/2018, Fabio Felline (Nazionale Italiana) che conquistò l’edizione 2017 e Davide Cimolai (Israel Cycling Academy), primo nel 2015.

Ai tre ex vincitori si aggiunge un folto gruppo di atleti che hanno sempre avuto un buon feeling con il Trofeo Laigueglia, tra questi: Francesco Gavazzi (Androni Giocattoli – Sidermec), secondo in due occasioni e per tre volte quinto, i suoi compagni di squadra Matteo Montaguti, terzo nel 2012 e quarto nel 2015, e Matteo Busato, terzo lo scorso anno, oltre al francese Romain Hardy (Team Arkea – Samsic) e a Paolo Totò (Sangemini – Trevigiani – MG Kvis), secondi rispettivamente nel 2017 e nel 2018.

Di particolare interesse dar anche la presenza degli azzurri Gianluca Brambilla e Giulio Ciccone oltre a quella del tre volte campione italiano Giovanni Visconti.

 

IL PERCORSO

Il percorso ricalca quello delle ultime edizioni e proporrà nuovamente l’azzeccato finale del 2018. Dopo le operazioni preliminari con il foglio firma e la presentazione degli atleti in Piazza dei Pescatori e il via ufficioso da Via Roma (alle 10,50), la carovana raggiungerà le località di Albenga, Alassio e Ceriale per poi affrontare la prima asperità della giornata: quella di Onzo, preludio ad una parte di gara particolarmente interessante. Dopo aver toccato Ortovero e Villanova d’Albenga i corridori si dirigeranno verso il primo Gran Premio della Montagna della giornata, quello di Cima Paravenna, salita storica del Trofeo.

 

Dopo un primo passaggio in zona traguardo, a circa metà gara, si entrerà nel vivo con il Capo Mele e il Testico per poi entrare nel circuito conclusivo di 12,6 chilometri con le asperità di Capo Mele e Colla Micheri che sarà affrontato, ecco la novità, per quattro volte prima dell’arrivo.

La gara (valida come prima prova della Challenge Liguria che si concluderà il 28 aprile con il Giro dell’Appennino) sarà trasmessa in diretta tv su Rai Sport dalle 15.30, mentre all’estero sarà live dalle 15.00 su l’Equipe tv (Francia).

 

Bike Channel trasmetterà la gara in differita nella serata di lunedì 18 febbraio a partire dalle ore 21,15, mentre gli highlights saranno distribuiti da Eurovisione alle oltre 70 emittenti associate.

 

Il Trofeo Laigueglia andrà inoltre in onda live streaming dalle 15.00 sulle piattaforme web pmgsport.it – repubblica.it– tuttobiciweb.it – inbici.net – cicloweb.it – federciclismo.it – cyclingpro.net/spaziociclismo – lapresse.it – flobikes.com (Stati Uniti e Canada e America Latina, Asia, Australia e U.K), globalcyclingnetwork.com (Usa, Canada e America Latina), Eurosport player (Europa, Asia e Australia), sulla pagina facebook ufficiale @PMgliveSport, dove sarà possibile rivedere in qualsiasi momento le immagini in differita e “on demand” da qualsiasi dispositivo mobile (pc, tablet, smartphone).

 

Le immagini del Trofeo Laigueglia volano in Europa. Anche Eurosport Player diffonderà la diretta

A pochi giorni dal via della stagione ciclistica italiana che avverrà come da tradizione a Laigueglia continuano le conferme sulla diffusione televisiva della classica ligure. Pochi giorni fa  durante la conferenza di presentazione il Presidente di Lega Ciclismo Enzo Ghigo aveva confermato le indiscrezioni per la diretta televisiva su Raisport che sarà affidata al duo Pancani Saligari. E’ notizia di ciclismo cup 2019ieri che la corsa ligure sarà disponibile su molte emittenti televisive estere ed anche su Eurosport Player. Saranno oltre una settantina i  paesi che godranno della copertura di Eurosport compreso nazioni fuori dall’Europa. Importanti riscontri turistici deriveranno dell’emissione in diretta televisiva in paesi come Belgio, Olanda, Norvegia, Svezia, Germania, Svizzera, Danimarca ed Austria solo per citarne alcuni. Bike Channel trasmetterà le immagini della della classica in differita  nella serata di lunedì. Il Laigueglia ricordiamo  sarà  la prima tappa della Ciclismo Cup manifestazione voluta fortemente dalla stessa Lega Ciclismo. Ciclismo Cup che dalla sua istituzione ha visto la diffusione all’estero delle corse italiane come mai accaduto prima.
Da parte di Lega Ciclismo sia il suo presidente Enzo Ghigo che il segretario Stefano Piccolo fanno presente come questo ulteriore passaggio vada nella direzione della crescita e della stabilità delle corse italiane. Fondamentale per una gara come il Laigueglia di categoria HC è rispettare certi parametri per il mantenimento del suo status.
Si va verso un format moderno. Alla diffusione delle immagini televisive verrà affiancata quella via web e quella via social media tramite i quali si potrà interagire. Ciò permetterà di venire in contatto con settori di pubblico fino ad oggi non raggiunti. La presenza dell’elicottero oltre alle splendide riprese del territorio garantirà tempi certi per la messa in onda ed un livello internazionale del prodotto. Alzando la qualità del proprio format, le varie competizioni come il Laigueglia, faranno un ulteriore salto di qualità a livello internazionale diventando potenzialmente interessanti sia per i grandi Team che per eventuali sponsor.