Incontriamo i vincitori del Trofeo Laigueglia: Davide Cimolai partenza con il botto

Davide Cimolai compirà 32 anni ad agosto e si appresta a disputare la 12^ stagione tra i professionisti con la maglia della Israel Start-Up Nation, ormai può considerarsi un veterano del gruppo, ha corso le tre grandi gare a tappe per non parlare delle principali classiche a cominciare della Milano – Sanremo che disputerà a marzo per il decimo anno consecutivo.
Torniamo indietro al 2015 quando vinse il Trofeo Laigueglia: “Ricordo bene le fasi salienti della gara – racconta l’atleta friulano – sino a quel giorno avevo vinto soltanto una cronosquadre, ero arrivato ben preparato deciso giocarmi le mie carte, eravamo rimasti un gruppetto di 15/20 corridori, poi il grande lavoro del mio compagno di squadra Niemec per vanificare l’attacco di Gerdemann, ripreso l’attaccante sul Capo Mele dovevo solo pensare alla volata, dove ho tagliato i traguardo a braccia alzate, alle mie spalle Gavazzi e Catevic”.
Il 2015 è una stagione indimenticabile, Cimolai riuscirà a ripetersi il mese dopo vincendo la 5° tappa della Parigi – Nizza la Saint Etienne – Rasteau.
In questi giorni si trova a Girona con il team per affinare la preparazione ed essere pronto per un inizio di stagione con il botto: “Si parte con la Volta e la Comunitat Valenciana, a seguire la Clasica de Almeria  e la Vuelta a Andalucia Ruta Del Sol, giusto il tempo di ritornare in Italia ed eccoci a “Laigueglia” il mio primo grande obiettivo di stagione”.

A seguire, Tirreno – Adriatico,  Milano – Sanremo per poi essere alla partenza del Giro d’Italia, insomma  il calendario è decisamente impegnativo.

“I prime mesi saranno molto importanti, oltre il “Laigueglia” spero di fare bene alla “Sanremo” una corsa che ormai conosco a memoria”.
Per un professionista la 12^ stagione è un traguardo significativo, Cimolai è ancora giovane, svolge il “mestiere” con serietà ed abdicazione, la passione è l’entusiasmo non mancano, un fatto è certo dalle due corse liguri si aspetta molto, sicuramente saprà regalare ai suoi tifosi e al team delle soddisfazioni. 



Davide Cimolai will turn 32 in August and is preparing to compete in the 12th season among the professionals with the Israel Start-Up Nation jersey, he can now consider himself a veteran of the group, he has run the three great races in stages, the main classics starting with the Milan – Sanremo which will play in March for the tenth consecutive year.

Let’s go back to 2015 when he won the Trofeo Laigueglia: “I remember the salient phases of the race well – says the Friulian athlete – up to that day I had only won a team time trial, I had arrived well prepared and decided to play my cards: we were left with a small group of 15/20 cyclist, then the great work of my teammate Niemec to frustrate Gerdemann’s attack, I caught the attacker on Capo Mele I just had to think about the sprint, where I crossed the finish line with my arms raised, behind me Gavazzi and Catevic “.

2015 is an unforgettable season, Cimolai will be able to repeat himself the following month by winning the 5th stage of Paris – Nice: Saint Etienne – Rasteau.

These days Davide Cimolai is in Girona with the team to refine his preparation and be ready for a start to the season well: “We start with the Volta a la Comunitat Valenciana, followed by the Clasica de Almeria and the Vuelta a Andalucia Ruta Del Sol, just enough time to go back to Italy and here we are in “Laigueglia” my first big goal of the season “.

Following these race, Tirreno – Adriatico, Milano – Sanremo to then be at the start of the Giro d’Italia, in short, the calendar is decidedly demanding.

“The first months will be very important, besides the Trofeo Laigueglia, I hope to do well at the Milano-Sanremo a race that I know very well.

For a professional cyclist, the 12th season is a significant milestone, Cimolai is still young, he carries out his “job” with seriousness and abdication, there is no lack of passion and enthusiasm, one fact is certain: he expects a lot from the two Ligurian races, he will surely know give his fans and the team some satisfaction.